Ago
10
2016

WÖR – Back to the 1780’S – Appel Rekords 2015

Gioielli dalle Fiandre! Tredici perle dal taglio antico, eppure ricche di sonorità nuove, fresche, rispettose e affettuose, belle. É la parure che ci regalano i Wör con il loro splendido album d’esordio. Questo Back to the 1780’s (Appel Rekords) è un prezioso lavoro di riscoperta di manoscritti e maestri poco conosciuti, nelle terre fiamminghe e nel resto del Vecchio continente, un contributon contributo culturale che ben ritrae il suono che nel XVIII secolo si aggirava in quella parte d’Europa. Musica classica? Neo-cameristica? Neo-folk? Alternativa? Credo che i nostri cinque gioiellieri non si siano fatti troppe domande: hanno affrontato e studiato a fondo diversi manoscritti dell’area di Bruxelles, Anversa, Diest e Gand e li hanno vestiti a nuovo con la propria giovinezza, con talento e scelte estetiche interessanti e in qualche modo trasversali a epoche e generi (per fortuna!), mai scontate e comunque aderenti al dettato ritmico degli originali (danze e marce, tutte strumentali e senza percussioni) di Petrus Josephus Van Belle, Johannes De Gruijtters, Robert d’Aubat de Saint-Flour, Pierre Trappeniers e Frans De Prins, cui si aggiunge il manoscritto della famiglia Di Martinelli, epoca dal 1743 al 1781. Da qui il titolo del Wör-Album di Fabio Di Meo (sax baritono e soprano), Naomi Vercauteren (violino), Pieterjan Van Kerckhoven (cornamuse, musette e sax soprano), Bert Ruymbeek (fisarmonica) e Jeroen Knaper (chitarra).
La DG 178 iniziale figurerebbe bene su tante antologie folk britanniche: un bel suono pieno, ritmo deciso, armonie ricche di colori. La loro preferita. Come dargli torto? Ioannes è un invito alla danza aperto dal violino, cui si aggiungono man mano gli altri strumenti in festa. Il suono di Diest permea Imperial, ma qui siamo già di fronte a un linguaggio folk comune e più moderno (ottimo l’inserimento del sax baritono). Momento emo con Fabio – annotano scherzosamente i compagni di viaggio -, ma la dolce Malotte Zerezo & Le marchand de Smirne piace molto anche me, sempre affamato di pace sonora e melodia. Più aderente alla tradizione popolare è la solare e lineare La Cocarde, con violino, cornamusa e fisarmonica sugli scudi. Si prosegue a tempo di March (ma non troppo), con un bel riff sostenuto e una ritmica più staccata e moderna, con festosa risata finale…
Sei ottavi dedicati agli amanti della danza: questo è Het Schipperken & Air, pezzo bipartito molto attento alle frasi melodiche, che i Wör ci restituiscono con precisione assoluta e suono nitidissimo e mai freddo. Una delle nostre preferite è La Railleuse: sax in gran spolvero per un pezzo malizioso e leggero. Un dolce duello tra Naomi e Pieterjan nell’articolato e ben scandito – nel canto e nella ritmica – Scherpenheuvel oft Mijn Lieveke & Marche. Su le mai, adesso, per accompagnare La Lavandière & La Capricieuse, magiche e ipnotiche danze che mai trascendono ma conquistano comunque con in gioco di squadra avvolgente e leggero.
Ritmo ritmo ritmo nelle due controdanze di Paillas! Doppio pezzo impegnativo, tanto che durante la registrazione Bert ha rotto la fisarmonica… Ballo lineare, intrigante, fusione perfetta: missione compiuta! Titolo latino per la penultima perla: Festa in toto venerabilis la chiamò Van Belle, mentre i nostri ragazzi sottotitolano We are Wör. Piglio deciso, ritmo tosto e incalzante, suono pieno e mai sbilanciato (una delle più belle caratteristiche del gruppo).
Pezzo triste, meditativo, esistenziale, ma bellissimo il congedo di De Boerevreught (di Frans De Prins): fisarmonica dolente, chitarra complice, cornamusa a dettare la rotta, melodia da racchiudere nel cuore.
Un disco eccellente da un quintetto eccellente. E questo è soltanto il debutto dei gioiellieri fiamminghi…. Aspettiamo i Wör a qualche festival italiano nel 2017!

Nicola Cossar

WÖR recto aangepast

WÖR recto aangepast

Lascia un commento

Ho letto ed acconsento alla Privacy Policy

Contatti redazione

www.folkbulletin.com
Testata giornalistica registrata,
tribunale di Pordenone nr. 497
del 10/6/2003.
Copyright © EditEventi
P.IVA 03881480101

Direttore responsabile Nicola Cossar
Redazione: direttore@folkbulletin.com

Utilizzando gli indirizzi email per comunicazioni, autorizzi al trattamento dei dati personali ex L. 196/2003 dopo aver letto e compreso la privacy policy

Privacy e Cookies