Lug
5
2011

ROCAMBOLESCA Camillocromo AUTOPRODUZIONE, 2011

Storici vincitori assoluti del primo concorso “Suonare a Folkest” di qualche anno fa, la band toscana prosegue nel proprio estroso cammino. Dopo la autodefinita “musica onirica per film immaginari” ora ci propongono questa, altrettanto autodefinita, “musica per ciarlatani, ballerine e tabarin”. Sottotitoli evocativi che ironizzano sulla funzionalità della musica e sul ruolo marginale e strumentale che ricopre nella società di oggi: questo potrebbe far pensare a un noioso disco “a tesi”, in cui la musica –tutt’altro che liberata- si piega a sua volta alle volontà di dimostrare qualcosa. E invece no. Infilato nel lettore il Cd, ci si lascia prendere la mano da un’allegra, crescente follia, talora volutamente esasperata, tal’altra più contenuta, in un vortice  di fonti ispirative e stilistiche che se hanno nello swing un apparente tratto d’unione, sono pronte a cambiare subito registro per portarci a Napoli attraverso una scala misolidia o in Romagna con un valzer destrutturato e rigenerato. Ancora una volta, Camillocromo è riuscito a stupirci regalandoci qualcosa di inatteso e consapevole.
Non possiamo che esserne lieti www.camillocromo.it
Roberto G. Sacchi

Lascia un commento

Ho letto ed acconsento alla Privacy Policy

Contatti redazione

www.folkbulletin.com
Testata giornalistica registrata,
tribunale di Pordenone nr. 497
del 10/6/2003.
Copyright © EditEventi
P.IVA 03881480101

Direttore responsabile Nicola Cossar
Redazione: direttore@folkbulletin.com

Utilizzando gli indirizzi email per comunicazioni, autorizzi al trattamento dei dati personali ex L. 196/2003 dopo aver letto e compreso la privacy policy

Privacy e Cookies