Gen
22
2013

Zurlo, Tonino – “L’ulivo che canta”

Al cospetto del titolo di questo CD viene naturale chiedersi come potrà essere il canto dell’ulivo: in quale lingua si esprimerà, se sarà un canto duro, nodoso, magari un canto di protesta –come verrebbe facile concludere osservando le originali sculture in legno fotografate sulla copertina e nel booklet e create dallo stesso Zurlo-, o se sarà un canto flessuoso, come la pianta di ulivo può anche essere; se la voce sarà dolce o aspra, quali accenti o intonazioni prenderà. Il canto dell’ulivo- ci si continua ad interrogare- potrebbe essere un urlo oppure pacato, in sintonia con i ritmi lenti della natura.

Il canto dell’ulivo secondo Tonino Zurlo, originale cantautore di Ostuni, è tutte queste cose insieme ed è il canto di un uomo sincero e diretto, intonato in dialetto. Dodici tracce, testi “forti” per lo più di critica sociale, una voce contadina in cui si avverte tutta la storia di un Sud dolorosamente emarginato, arrangiamenti scarni e molto espressivi, melodie popolari con forti accenti drammatici e blues ne costituiscono i tratti salienti che, ad ogni modo, pongono l’autore al di fuori di ogni schema precostituito. Al terzo CD (i precedenti sono usciti nel 2003 e nel 2007) Zurlo parla con toni disincantati, spesso caustici, dei politici italiani, del berlusconismo e la sua cultura del nulla, dei poliziotti – uomini del sud costretti a indossare una divisa per trovare un lavoro-, dello sfruttamento, e racconta il ciclo naturale della vita. Amarezza, rabbia, ironia ma a tratti anche accoglienza e leggerezza sono le angolazioni del suo sguardo sulla vita e sul mondo.

Appaiono inscindibili  tra loro le due modalità artistiche di Zurlo, come cantautore e come scultore, con le originali, suggestive statue “naturali” tirate fuori dal legno di ulivo e che sembrano guardarci sghembe, urlare, meditare o, semplicemente, testimoniare. Lo accompagnano in musica, dando ancor più forza e rotondità al suo discorso, Mauro Semeraro alle chitarre, mandolino, bouzouki, tamorra, Nicola Farina al basso e contrabbasso, Vito De Lorenzi alle percussioni e alla batteria, Antongiulio Galeandro alla fisarmonica, Giorgio Distante alla tromba, Alessio Anzivino alla tuba, Mario Grassi alla grancassa e rullante, Piero Vincenti al pianoforte.

 

Carla Visca

Anima Mundi Edizioni, via Majorano 8, 73028 Otranto (LE)

 

www.suonidalmondo.com

Lascia un commento

Ho letto ed acconsento alla Privacy Policy

Contatti redazione

www.folkbulletin.com
Testata giornalistica registrata,
tribunale di Pordenone nr. 497
del 10/6/2003.
Copyright © EditEventi
P.IVA 03881480101

Direttore responsabile Nicola Cossar
Redazione: direttore@folkbulletin.com

Utilizzando gli indirizzi email per comunicazioni, autorizzi al trattamento dei dati personali ex L. 196/2003 dopo aver letto e compreso la privacy policy

Privacy e Cookies