Mar
11
2015

Un Buon Carattere

Bradley Hand, Eucrozia, GungSung, Shonar Bangla, Latha, Nyala, Vrinds… I vocaboli che avete appena letto non identificano personaggi minori della cosmogonia indu né i nomi di rarissime e preziose orchidee, purosangue campioni di trotto o improbabili pizzerie di Las Vegas. Si tratta molto più banalmente di caratteri tipografici (detti anche font) di raro o inesistente utilizzo, che -sfidiamo la “quasi intera categoria dei grafici” pubblicitari o editoriali- ad aver impiegato più di una volta nella propria vita professionale. I caratteri esistenti sono qualche dozzina ma quelli più usati si contano sulle dita di due mani: Arial, Bodoni, Garamond, Times, Verdana e pochi altri… questi i caratteri con i quali la “quasi intera categoria dei grafici” si diletta a impaginare la “quasi intera categoria dei testi reali o virtuali”. Questa la regola, ma per ogni regola, come si sa, si configura un’eccezione: i libretti dei Cd. Jewel-box, slim-box o digipack che siano, che di cover o di inlay card si tratti, la confezione del Cd sembra sfuggire a ogni regola (grafica o di buon senso). Infatti, pare che l’obiettivo di essere letti non sia fra i primari: già la superficie a disposizione per scrivere non è enorme (parliamo di 15×13 cm circa); poi se a questo aggiungiamo l’utilizzo di caratteri fantasiosamente illeggibili (particolarmente utilizzati gli svolazzi neoromantici e i goticismi protoceltici); gli abbinamenti improbabilissimi di colori che da anni si sono dichiarati guerra (rosso-viola, blu-marrone, verde-celeste, giallo-bianco…); la dimensione dei caratteri (altrimenti conosciuta come “corpo”) mai superiore a 8 e mai inferiore alla punta di spillo otteniamo un oggetto inutile (è praticamente illeggibile), fragile (jewel-box e slim-box sono realizzati in vetro di Murano e se cadono una volta sola vanno in frantumi), costoso (sia il cartone sia la plastica nessuno te li regala perché materiali inquinanti).
La morte del Cd è ormai annunciata e quindi il nostro piccolo e innocuo atto d’accusa contro i libretti e il modo sciagurato con il quale sono generalmente realizzati non sarà attuale ancora per molto. Ma proprio per questo ci tenevamo a scriverlo prima che fosse troppo tardi. D’altra parte, aver tentato per oltre trent’anni di far leggere i titoli e gli autori dei brani, gli esecutori e le note di copertina, gli strumenti utilizzati e i ringraziamenti, le immagini fotografiche e i loghi degli sponsor in uno spazio piccolo poco più di un francobollo è stato quasi un miracolo che, nonostante tutto, continua a ripetersi e quindi merita, quantomeno, rispetto.
Roberto G. Sacchi

editoriale 02

Lascia un commento

Ho letto ed acconsento alla Privacy Policy

Contatti redazione

www.folkbulletin.com
Testata giornalistica registrata,
tribunale di Pordenone nr. 497
del 10/6/2003.
Copyright © EditEventi
P.IVA 03881480101

Direttore responsabile Nicola Cossar
Redazione: direttore@folkbulletin.com

Utilizzando gli indirizzi email per comunicazioni, autorizzi al trattamento dei dati personali ex L. 196/2003 dopo aver letto e compreso la privacy policy

Privacy e Cookies