Giu
4
2013

Tre Martelli con Gianni Coscia, 17 maggio 2013, Arquata Scrivia (AL), Teatro della Juta.

cantantiCi sono incontri che sembrano predestinati e il mondo della musica ce ne regala –fortunatamente- ancora qualcuno. Abbiamo avuto la buona sorte di assistere a uno di questi, certamente uno degli episodi più interessanti che il 2013 ci abbia finora portato in dote: artefici, il gruppo alessandrino dei Tre Martelli e il fisarmonicista jazz Gianni Coscia, un giovanotto ultraottantenne che con il suo strumento ha fatto sognare intere generazioni di pubblico in Italia e all’estero. Di norma, la contaminazione fra folk e jazz ha generato ibridi non sempre perfettamente riusciti, nei quali uno dei componenti prevaricava sull’altro, togliendogli smalto, brillantezza e spontaneità. Nel caso di cui stiamo trattando, invece, è accaduto una specie di miracolo, alla riuscita del quale non sono certamente estranee le doti umane dei protagonisti, capaci di costruire un’atmosfera calorosa intorno a un progetto per certi versi rischioso. Lungi da noi, quindi, tentare di ridurre in fredda cronaca quanto ascoltato ad Arquata nell’accogliente Teatro della Juta, ma soltanto cercare di ricreare, questo sì, la divertente piacevolezza della serata: tanta buona musica, condita dalle curiose introduzioni aneddotiche di Giancosciani Coscia, un vero atto d’amore verso il proprio strumento d’elezione; e poi, nonostante si trattasse praticamente di una “prima” quasi assoluta (sporadicamente Coscia ha già partecipato a dischi dei Tre Martelli), vedere il quasi perfetto amalgama fra le due generazioni che compongono l’attuale formazione alessandrina e l’ottuagenario fisarmonicista, segno indiscutibile di come la musica sappia unire mondi lontani e comunicare al pubblico che proprio dalle differenze, opportunamente gestite, nascono gli insiemi che funzionano. Peccato che, al momento, non siano previste repliche e che lo sforzo di contaminazione creativa che ha consentito di realizzare il concerto di Arquata rischi di rimanere un episodio isolato. In un’Italia che non fa nulla per i propri tesori niente ci stupisce più in negativo: però, ancora una volta, peccato…

enzo

Roberto G. Sacchi

Lascia un commento

Ho letto ed acconsento alla Privacy Policy

Contatti redazione

www.folkbulletin.com
Testata giornalistica registrata,
tribunale di Pordenone nr. 497
del 10/6/2003.
Copyright © EditEventi
P.IVA 03881480101

Direttore responsabile Nicola Cossar
Redazione: direttore@folkbulletin.com

Utilizzando gli indirizzi email per comunicazioni, autorizzi al trattamento dei dati personali ex L. 196/2003 dopo aver letto e compreso la privacy policy

Privacy e Cookies