Giu
30
2016

RICHARD THOMPSON – vivo a LA, ma sono sempre British! intervista.

A Palmanova abbiamo potuto fare qualche domanda a Richard Thompson, uomo di poche parole, ma sempre gentile e disponibile.

D. Cosa avevate in mente quando sono nati i Fairport Convention: R’n’r, Jefferson Airplane o…?
R. Ci piacevano molte cose, essenzialmente americane: folk, jug band, rock, jazz.. La storia dei Jefferson è un’invenzione giornalista, solo perchè avevamo una cantante!

D. Da anni vivi in America: e non più in Inghilterra: Una scelta di vita o più opportunità?
R. Vivo là perchè mia moglie è di Los Angeles, ma il mio stile rimane molto British!

D. E allora: Trump o la Clinton?
R. Clinton, anche se non mi fa impazzire. Bisogna essere teste di cavolo per votare Trump.

D. Nelle tue canzoni spesso l’atmosfera è triste, se non cupa: sei tu così o è la realtà ad esserlo?
R: A dire il vero sono un ottimista! Penso che le mie canzoni siano realistiche. Sono cresciuto ascoltando ballate folk, tristi, strane e piene di crimini: sto solo proseguendo quella tradizione.

D. Ma in “Still” c’è un brano intitolato “No peace, no end” in cui sembra prevalere un pessimismo totale: e il tuo ottimismo, allora?
R. Ho scritto quella canzone su un paese dilaniato dalla guerra, con poche vie di uscita e minime possibilità di far capire al mondo esterno la tragedia quotidiana. La mia vita non è così, ma è mio dovere di compositore sottolinearlo.

D. Tu sei musulmano e spesso tue canzoni hanno avuto riferimenti religiosi: “Gethsemane”, “Calvary cross”, “Outside of the inside”: cosa ne pensi dell’Isis, musulmani integralisti, contrari alla musica e alla cultura?
R. Uso un immaginario cristiano perchè è una lingua che il pubblico capisce. Isis sono terroristi puritani, islamici solo di nome. Dove sono la compassione, la generosità, il perdono?

D. Ti consideri un cantautore, un chitarrista o… ?
R. Mi considero un ‘pacchetto’, tutte le mie capacità al servizio della canzone.

D. In “Still” parli dei tuoi idoli chitarristi giovanili: dove sta la TUA originalità?
R. Io non suono scale blues, le mie influenze sono nella musica celtica e classica; così ne viene fuori un suono diverso.

D. Che chitarre usi adesso?
R. La Lowden acustica e la Fender elettrica.

D. Cosa sai dei liutai italiani?
R. Molto poco, mi spiace.

D. Un’ultima domanda: Quando ti vedremo in tour con i tuoi figli?
R. Faccio spesso concerti con Jack, Teddy e mia figlia Kami, ma non tour; però è bello suonare in famiglia quando si può!

A cura di Marco Miconi
foto di Riccardo Bostiancich

Lascia un commento

Ho letto ed acconsento alla Privacy Policy

Contatti redazione

www.folkbulletin.com
Testata giornalistica registrata,
tribunale di Pordenone nr. 497
del 10/6/2003.
Copyright © EditEventi
P.IVA 03881480101

Direttore responsabile Nicola Cossar
Redazione: direttore@folkbulletin.com

Utilizzando gli indirizzi email per comunicazioni, autorizzi al trattamento dei dati personali ex L. 196/2003 dopo aver letto e compreso la privacy policy

Privacy e Cookies