Nov
14
2012

“La Piva dal Carner” – Foglio rudimentale di comunicazione a 361gradi

La PIVA EMILIANA è una cornamusa di tipo europeo occidentale diffusa nell’Appennino piacentino-parmense fino agli anni ‘40. Nell’area compresa tra Bobbio (PC) e Montecchio (RE) ne sono state rinvenute complessivamente 18, complete o ridotte a pochi frammenti. L’uso che ne veniva fatto era vario ma in prevalenza era di accompagnamento per il ballo nelle feste di paese.

Questo numero de’ : LA PIVA DAL CARNER, curato da Bruno Grulli, è interamente dedicato alla descrizione di quelle 18 pive.

Nella introduzione il curatore elenca i reperti, ne traccia brevemente la loro storia e, secondo una ipotesi già avanzata nel 1984 sulla rivista MODAL/5, ribadisce la diversificazione dello strumento in tre stili corrispondenti alle valli del Trebbia/Nure, del Ceno/Taro e del Parma.

Seguono le schede che con disegni accuratissimi, fotografie dei singoli pezzi e note apposite descrivono i vari esemplari. Gli appunti, le foto, i rilievi ed i disegni derivano da ricerche sul territorio svolte in anni di lavoro.

Al testo sono abbinate le foto dei suonatori delle pive descritte ed alcune altre foto d‘epoca inedite e sorprendenti.

L’importanza del lavoro coordinato da Bruno Grulli in collaborazione con Ferdinando Gatti, Paolo Simonazzi, Luca Magnani e Franco Calanca sta nel fatto che per la prima volta vengono elencati, descritti e messi a confronto, seppur virtuale, tutti gli esemplari di piva emiliana oggi conosciuti.

L’opuscolo di ben 56 pagine è diffuso solo per posta elettronica; alcune sue copie cartacee sono depositate presso le biblioteche.

Consulta qui la copia gratuita in formato PDF —–> pdc74.LE 18 PIVE EMILIANE SUPERSTITI

Lascia un commento

Ho letto ed acconsento alla Privacy Policy

Contatti redazione

www.folkbulletin.com
Testata giornalistica registrata,
tribunale di Pordenone nr. 497
del 10/6/2003.
Copyright © EditEventi
P.IVA 03881480101

Direttore responsabile Nicola Cossar
Redazione: direttore@folkbulletin.com

Utilizzando gli indirizzi email per comunicazioni, autorizzi al trattamento dei dati personali ex L. 196/2003 dopo aver letto e compreso la privacy policy

Privacy e Cookies