Dic
19
2013

“IL MELODRAMMA BALLABILE. L’OCARINA TRA VERDI E IL BALLO” – Ensemble Novecento

SHEHERAZADE SHECDT0010, 2013

ensemble novecento copertinaParafrasando Orwell, si potrebbe affermare che tutti gli strumenti musicali sono uguali per importanza ma alcuni sono più uguali di altri. Pensiamo alla complessità di un pianoforte, alla ieraticità di un contrabbasso, alla creatività di un sax soprano, alla precisione di un tamburo rullante… Poi ce ne sono altri, peraltro depositari di chissà quali potenzialità, che nell’immaginario collettivo sembrano quasi non meritare l’appellativo di strumento musicale per librarsi soltanto pochi centimetri sopra la dimensione di giocattolo. L’ocarina, non se ne voglia alcuno, appartiene a questa categoria. Sarà per la sua forma, sarà per la sua fragilità, sarà per l’ilarità che generalmente il suo suono suscita nei non addetti ai lavori… Asserito ciò, opere discografiche come “Il Melodramma Ballabile…” hanno il gran merito di far conoscere la dimensione giusta dell’ocarina e il suo valore di strumento musicale di assoluta dignità. Peraltro già ampiamente riconosciuta da autori classici e contemporanei, da Beethoven ai Duran Duran passando per Morricone. In questo caso, il repertorio è costituito in gran parte da arie verdiane intercalate da brani da ballo: e proprio in questo stretto confronto fra il serio e il faceto l’ocarina mostra la sua versatilità e efficacia, enfatizzata dalla formazione composta dalle tipologie sonore differenti  dello strumento nell’insieme che va sotto il nome di settimino (cioè sette musicisti per sette ocarine), capace di sfruttare al meglio i vari suoni che il flauto globulare in terracotta inventato a metà Ottocento da Giuseppe Donati può offrire. Un’osservazione, però, va fatta, a totale merito dell’Ensemble Novecento: di norma, gli ensemble monostrumentali rischiano spesso di risultare all’ascolto alquanto monocordi. “Il Melodramma Ballabile…”, invece, risulta vario e godibile probabilmente per un’azzeccata scaletta e la particolare bravura degli interpreti, ma non va sottovalutata la componente di passione che pervade gli esecutori e emerge dall’ascolto. Tecnica e cuore per un gran disco. Info@sheherazade.it

Roberto G. Sacchi

Lascia un commento

Ho letto ed acconsento alla Privacy Policy

Contatti redazione

www.folkbulletin.com
Testata giornalistica registrata,
tribunale di Pordenone nr. 497
del 10/6/2003.
Copyright © EditEventi
P.IVA 03881480101

Direttore responsabile Nicola Cossar
Redazione: direttore@folkbulletin.com

Utilizzando gli indirizzi email per comunicazioni, autorizzi al trattamento dei dati personali ex L. 196/2003 dopo aver letto e compreso la privacy policy

Privacy e Cookies