Mag
22
2016
Senza categoria

GUY CLARK – E’ scomparso il più amato songwriter di Nashville

Le sue canzoni, zeppe d’immagini quasi letterarie, come The Randall Knife su un coltello che suo padre aveva portato con sé di ritorno dalla Seconda guerra mondiale, o l’iconografia di un’america on the road con gli hobos in attesa di un treno che da qualche parte li porterà…
Con le sue canznoni, nell’album tributo This one’s for him Rosanne Cash, Willie Nelson, Kris Kristofferson e John Prine vinsero il premio Album dell’anno della American Music Association nel 2012.
D’altra parte lo stesso Clark aveva ricevuto anche il Poet’s Award dall’Academy of Country Music nel 2012 e nel 2014 era entrato nella Nashville Songwriter’s Hall of Fame. Il suo ultimo album, My favorite picture of you, aveva vinto un Grammy nel 2014 come miglior album folk. Il titolo, aveva detto, era dedicato alla moglie, morta nel 2012, e la cui foto compare sulla copertina. Insieme alla moglie, anch’essa autrice di brani e pittrice, aveva reso la sua abitazione di Nashville un luogo d’incontro per musicisti e appassionati di musica.
Era nato 74 anni fa a Monahans, in Texas, Clark aveva pubblicato dodici album di cui uno assieme a Townes Van Zandt e Steve Earle. I suoi brani sono stati incisi da vari artisti, come Johnny Cash, Jerry Jeff Walker, Jimmy Buffett, Lyle Lovett, Ricky Skaggs, Steve Wariner, Rodney Crowell. Fra le sue canzoni più famose, L. A. Freeway e Desperados waiting for a train.
Insieme alla moglie, anch’essa autrice di brani e pittrice, aveva reso la sua abitazione di Nashville un luogo d’incontro per musicisti e appassionati di musica.
Dopo aver iniziato a scrivere a scrivere e a cantare in spagnolo, nel 1960 si trasferì a Houston dove incrociò e collaborò con Van Zandt e alcuni altri autori folk e iniziò a esibirsi nei bar e in alcuni locali. Dopo aver incontrato la pittrice Susanna Talley, che sarebbe dieventata la sua seconda moglie, si trasferì con lei a Los Angeles per dare uno slancio alla sua carriera. La delusione di quegli anni è alla base di L. A. Freeway, che viene registrata da Walker nel suo primo album. Infine il trasferimento a Nashville nel ’71 dove il suo successo di autore viene coronato da un contratto con la RCA. Pubblica il primo album, Old no. 1, nel 1975, che include brani come She ain’t going nowhere and Texas 1947, registrate anche da Johnny Cash.

images

I commenti sono chiusi.

Contatti redazione

www.folkbulletin.com
Testata giornalistica registrata,
tribunale di Pordenone nr. 497
del 10/6/2003.
Copyright © EditEventi
P.IVA 03881480101

Direttore responsabile Nicola Cossar
Redazione: direttore@folkbulletin.com

Utilizzando gli indirizzi email per comunicazioni, autorizzi al trattamento dei dati personali ex L. 196/2003 dopo aver letto e compreso la privacy policy

Privacy e Cookies