Apr
19
2017

ARCHIE FISHER – A SILENT SONG – Red House Records/IRD, 2015

di Gianni Giusti

Il vecchio Archie si mostra già dalla copertina per ciò che è: un uomo gentile, una britannica pacatezza, l’amore sconfinato per il mare, il senso del mistero e un alone di bellezza che aleggia e ammanta il mondo. A silent song è il suo settimo album come solista e terzo disco americano, per la Red House Records. Un disco, come sempre, essenziale per questo autentico musicista culto del folk revival e chitarrista acustico dal tocco elegantemente espressivo Archie Fisher, scozzese, classe 1939: non è notissimo nel resto dell’Europa, ma rappresenta una leggenda vivente in Scozia. E’ uno degli autori preferiti della stessa Fairport Convention, una formazione che si è spesso confrontata con le composizioni del nostro.
Questo disco arriva a sette anni di distanza dall’ultimo suo prodotto discografico ed è stato interamente registrato negli States. La sua voce e la sua sei corde sono contornate dagli interventi al flauto di Isaac Anderson, al violoncello di Luna Skye e al contrabbasso di Rob Norris e Joel Sayles. Grande scuola citaristica e aurorale inglese… come non ricordare John Renbourn, Bert Jansch e l’immenso Allan Taylor?
Con Allan Taylor, Fisher condivide la capacita di raccontare episodi di vita vissuta, il senso dell’amicizia, la profondità dei sentimenti. Rispetto a Taylor si espone con maggiore determinazione per l’ambiente e l’ecologismo. In questo disco troviamo alcune romantiche canzoni come A River Like You di Ian Davison, con i controcanti di Linda Richards, oppure Bonnie Annie Laurie di Alicia Scott. Non mancano brani tradizionali, da Mary Ann a Lord of The May. Infine i nuovi pezzi di Archie Fisher: uno splendido brano d’apertura, Waltz into Winter, che descrive la natura che lo circonda con una candore d’altri tempi  Half The World Away, Song for a Friend. Il brano che ci ha colpito di più è forse The Parting Glass (Fisher/Goodenough), magicamente onirica.
Poetico e spirituale come sempre, Archie Fisher ci ha riportato nei verdi pascoli della migliore musica di Scozia. Grande disco.

Lascia un commento

Ho letto ed acconsento alla Privacy Policy

Contatti redazione

www.folkbulletin.com
Testata giornalistica registrata,
tribunale di Pordenone nr. 497
del 10/6/2003.
Copyright © EditEventi
P.IVA 03881480101

Direttore responsabile Nicola Cossar
Redazione: direttore@folkbulletin.com

Utilizzando gli indirizzi email per comunicazioni, autorizzi al trattamento dei dati personali ex L. 196/2003 dopo aver letto e compreso la privacy policy

Privacy e Cookies