Ott
22
2016
Senza categoria

AMERLI “Refugees for Refugees”
 – MUZIEKPUBLIQUE, CD, 2016

amerlicopMuziepublique è un’organizzazione non-profit belga che si occupa della divulgazione della musica tradizionale, e organizza concerti e corsi di strumenti (dal cavaquinho al duduk) tenuti da musicisti di tutto il mondo e residenti in Belgio. Il titolo di questo lavoro – rifugiati per rifugiati – la dice lunga sull’idea che sta alla base del progetto, ovvero coinvolgere importanti personalità della world music per realizzare una raccolta fondi destinati agli stranieri di recente immigrazione: in particolare usufruiranno dei fondi la Globe Aroma – che di occupa di assistere immigrati che operavano nell’ambito artistico nel loro paese di origine – e Synergie 14 che invece si occupa dell’assistenza ai minori immigrati.

Ma al di là dello scopo morale che è alla base del progetto, l’ascolto di questo CD mette a nudo la realtà dell’emigrazione, che colpisce indistintamente nel mucchio le popolazioni costrette a cercare condizioni di vita migliori e quindi anche persone che nella normalità si occupavano dello studio e della pratica e dell’insegnamento delle tradizioni popolari della loro area di provenienze. Uomini e donne alle quali, una volta giunti nei campi profughi o nei centri di accoglienza, viene quasi annullata la  personalità e quasi cancellata la vita precedente. Mi sembra quindi che l’idea di cercare di restituire almeno una parvenza di vita normale a costoro sia un’idea altamente lodabile che dovrebbe essere allargata – ma forse lo è ma non lo sappiamo – a tutti coloro che si “rifugiano” in Europa o altrove.

Se vogliamo – e lo vogliamo – parlare “anche” dell’aspetto musicale, questo Cd è un autentico viaggio che ci fa conoscere talenti e culture affascinanti quanto poco conosciute ed i musicisti che si sono prestati a questa iniziativa sono quanto di meglio in circolazione. Da “Retombo” interpretato dai rifugati tibetani Dolma Requingi e Kelsang Hula ad “Amerli” dal nord dell’Iraq di Hussein Rassim e Bassel Abu Fakher fino ai villaggi più remoti del Pakistan condotti per mano dal sarod di Assad Qizilbash e dalle tabla di Najid Zare, questo “Amerli” è un preziosissimo scrigno delle culture popolari che la specie umana farebbe bene a non perdere. Staremo a vedere. Intanto comperate questo disco.

www.muziekpublique.be

 

di Alessandro Nobis

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Ho letto ed acconsento alla Privacy Policy

Contatti redazione

www.folkbulletin.com
Testata giornalistica registrata,
tribunale di Pordenone nr. 497
del 10/6/2003.
Copyright © EditEventi
P.IVA 03881480101

Direttore responsabile Nicola Cossar
Redazione: direttore@folkbulletin.com

Utilizzando gli indirizzi email per comunicazioni, autorizzi al trattamento dei dati personali ex L. 196/2003 dopo aver letto e compreso la privacy policy

Privacy e Cookies